21-12-2017 “Il Natale ai tempi dei nonni”

Un lettone scaldato con il prete, la luce fioca di una candela, il camino acceso, un albero colorato e una bella fiaba: ecco gli ingredienti del Natale come lo abbiamo vissuto a scuola, insieme ai bambini, come era al tempo dei nonni.

IMG_20171221_094903 

IMG_20171221_110403

IMG_20171221_110809

 

L’insegnante Mastore, nei panni di una nonna, legge la fiaba dei fratelli Grimm “La casa del bosco”, mentre le altre insegnanti, ritornate bambine, ascoltano incantate le sue parole, insieme agli alunni, il nostro pubblico!

… Tutti in pigiama!

IMG-20171221-WA0035 (1)

IMG-20171221-WA0027

IMG_20171221_114017

Non poteva mancare il lieto fine:

“…perchè la bontà del cuore, alla fine, genera sempre amore…”

IMG_20171221_114137

 I bambini hanno, infine, gustato dei cioccolatini a forma di cuore con messaggini d’amore e d’amicizia all’interno.

IMG_20171221_114905

BUONE FESTE!!!

Attività di “LIGHT-PAINTING”

 

La classe 5A gioca con la luce

…scriviamo il nostro nome e facciamo alcuni “scarabocchi”

IMG_0468

IMG_0469

IMG_0029

IMG_0465

Per disegnare con la luce dobbiamo scrivere nell’aria, con una torcia, il nostro nome al contrario… Attraverso la macchina fotografica, che funziona come uno specchio, il nostro nome apparirà magicamente scritto “dritto”…

Progetto Perrault-Basile: esperienza di Job Shadowing

Venerdì 24 novembre abbiamo aderito all’ esperienza di Job Shadowing, nella quale tre insegnanti francesi, provenienti dalla città di Nimes, sono venuti in visita nelle scuole del nostro circolo per uno scambio didattico e culturale.

In particolare, si soffermeranno ad osservare le modalità operative ed esperienziali delle classi quarte e quinta.

Jpeg

Un insegnante del plesso Rodari, travestita da anziana signora, legge e interpreta per tutti gli alunni della scuola la fiaba di Pollicino nel salone della scuola, per dare l’accoglienza alle nostre ospiti francesi.

Il progetto di questo anno scolastico, infatti, è incentrato sulle fiabe, riprendendo il concetto di narrazione e trasmissione orale, come accadeva ai tempi dei nonni.

Jpeg

Jpeg

In classe 5A gli alunni stanno riproducendo la circolazione sanguigna utilizzando fili di lana colorati per simulare lo scorrimento del sangue all’interno del nostro corpo.

Jpeg

Jpeg

Jpeg

Le classi 4A e B stanno svolgendo un’ attività di geometria concreta in palestra: rappresentano diverse tipologie di linee usando corde colorate che servono a delimitare lo spazio di lavoro.

Jpeg

Jpeg

Jpeg

Gli alunni della 5A stanno svolgendo una lezione del laboratorio teatrale che quest’anno ciascuna classe svilupperà all’interno del curricolo di potenziamento scolastico, avvalendosi dell’ insegnante Mastore, esperta di teatro, per un’ora alla settimana.

In questa fotografia la consegna era improvvisare l’invenzione e la narrazione di una storia iniziata dall’ insegnante e lasciata in sospeso: ogni alunno doveva proseguire il racconto di quello precedente.

Jpeg

Jpeg

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla.” T. Terzani

Lettura animata della favola “Il melo fatato” :

I bambini delle classi 4A e B leggono per i bambini di classe prima e seconda che, alla fine, hanno ricambiato con dei segnalibri fatti a mano da loro. 13
14

15

I bambini della classe 5A leggono “L’ albero e la strega” per i bambini della 3A,  con la tecnica del kamishibai

LETTURA1

LETTURA2

I bambini della classe 5A leggono per la classe prima “Il signor formica“, sempre utilizzando il kamishibai

LETTURA3

Storia e scrittura

I bambini delle classi 4A e B osservano i simboli dell’alfabeto cuneiforme e provano a scrivere il loro nome e cognome con i segni usati in Mesopotamia.

12

Ora incidono in tavolette d’argilla il loro nome con i simboli che hanno osservato. “Diventiamo degli scribi mesopotamici.”

4

68

 

Classe 2A

 Letture interessanti insieme ai compagni della classe prima, e poi…ascoltiamo_una_fiaba_coi_compagni_di_classe_1-¦[1]

… disegniamo le nostre paure in giardino …

Che_bello_leggere_sotto_il_nostro_grande_albero![1] Disegniamo_le_nostre_paure_coi_compagni_di_classe_1-¦_[1] Io_voglio_disegnare_le_mie_paure_da_solo![1]

 

Un po’ di giardinaggio per tenere pulito il giardino della nostra scuola!

Teniamo_pulito_il_cortile_della_nostra_scuola_[1]

Uscita didattica alla Rocca delle Fiabe di Sant’ Agata Feltria

Giovedì 26 ottobre abbiamo dato l’avvio al progetto di plesso con l’uscita didattica al museo permanente della Rocca delle Fiabe di Sant’ Agata Feltria, ritrovando le figure, i simboli e i temi caratteristici delle fiabe.

Alunni e insegnanti del plesso di Gattolino si sono addentrati nel fantastico mondo delle fiabe…

IMG_20171026_123722

IMG_20171026_100620

IMG_20171026_100755

IMG_20171026_115152

IMG_20171026_140708

Nella sala introduttiva, i disegni del professor A. Faeti raffiguranti favolisti di ogni epoca ci hanno introdotto al percorso fiabesco.

IMG_20171026_112052

All’ interno del castello, divisi in gruppi, abbiamo ascoltato la narrazione della fiaba

“La bella Vassilissa” nel “Nido della narrazione”.

IMG_20171026_104926

Nella sala delle “Fanciulle perseguitate” abbiamo ammirato figure di protagoniste femminili di fiabe, accomunate da destini sventurati.

Pelle d’asino

IMG_20171026_112656

Cenerentola in chiave moderna, con aspirapolvere e scarpette a forma di macchina per fare mille faccende e giri.

IMG_20171026_113130

Nella stanza del “Viaggiatore incantato” abbiamo immaginato di vivere viaggi avventurosi.

IMG_20171026_115513

IMG_20171026_115522

Classe 1A

  Filastrocca dell’amicizia per i bimbi della classe prima che hanno iniziato il loro percorso nella scuola primariaIMG_20171019_105920

 

Sono nati i paperi che portano le vocali a scuola

IMG_20171019_110112

IMG_20171019_110059

IMG_20171019_105829

Ecco le vocali tutte colorate!

IMG_20171019_105850

Classe 3A

Con pongo e foglie proviamo a mostrare che i fossili non sono l’oggetto antico,

bensì il residuo, l’impronta lasciata nel corso del tempo.

IMG_20171012_093457

IMG_20171012_093709IMG_20171012_094110IMG_20171012_094107

 

Cerchiamo tramite connessioni logiche, dal concreto all’astratto, di portare i bambini a comprendere il significato del concetto posizionale nella nostra numerazione.

Facciamo un gioco di osservazione e associazione per mostrare come utilizzando gli stessi elementi si possano generare composizioni differenti: allo stesso modo possiamo scrivere numeri diversi usando le stesse cifre, ma in posizioni diverse.

Ecco perchè è così importante la posizione di ciascuna cifra all’interno di un numero.

IMG_20170930_092956

IMG_20170930_092817

Classe 4A – 4B

La scuola è un grande diritto e un’opportunità per tutti i bambini di crescere e valorizzare le proprie competenze.

Partendo dalla visione del DVD che riguarda la scuola di Barbiana di Don Milani, ripercorriamo il significato dello stare a scuola  e delle trasformazioni che nel tempo essa ha vissuto perchè non si perdano di vista gli obiettivi fondanti della scuola.

IMG_20171012_141700

Lavorando sulla filastrocca di B. Tognolini “Filastrocca delle maestre” proseguiamo la riflessione e approfondiamo le metafore utilizzate dall’autore,

fino a inventare un nostro slogan:

“La scuola è sport, allenamento per la mente e il corpo”

IMG_20171012_142801

IMG_20171011_113206

IO SONO… ALICE!

Si va in scena…

untitled

Il lungo percorso annuale del nostro progetto, ha portato noi insegnanti e i nostri fantastici ragazzi a pensare, immaginare e creare tutto quello che vedrete durante il nostro spettacolo.

Ringraziamo sentitamente tutte le famiglie per la loro preziosissima collaborazione nella realizzazione di costumi e scenografie.

BUON DIVERTIMENTO

Abbiamo incontrato Alice e il Bianconiglio…

Lettura del libro di “Alice nel paese delle Meraviglie”

Classi 3^A e 3^B,

Durante le attività didattiche pomeridiane, viene letto il libro che guida il nostro progetto di plesso, per scoprire i personaggi che lo abitano.
ALICE…
“Cara Alice, ti vedo così…”

L’uomo è nato per creare. La vocazione umana è quella di immaginare, inventare, osare nuove imprese
(Michael Novak)

56

…E IL BIANCONIGLIO…
Costruiamo il Bianconiglio con la tecnica dell’origami.

-Alice: Per quanto tempo è per sempre?
-Bianconiglio: A volte, solo un secondo. 

58 59 57 62

A.L.I.C.E. work in progress…

Attività varie in classe 2^

A come Alberi
L come Lavorare con le mani
I come Insieme è meglio
C come Curiosità
E come Esperimenti per imparare

 Alberi…

Ma com’è fatto un albero?
C’è un sopra e c’è un sotto.

Scopriamolo e costruiamolo.

N. 13 - le parti dell'albero (1) - gennaio N. 14 - le parti dell'albero (2) - gennaio

 

 

 

 

 

Lavorare con le mani…

 Facciamo la carta riciclata.

Con le mani, piano piano, impastiamo, sminuzziamo, impastiamo ancora….

N. 15 - febbr 2017 N. 17 - febbr 2017

 

 

 

 

 

Insieme è meglio…

Tutti insieme, con le mani, è proprio un lavoro di
squadra!!!

Ed ecco i nostri fogli!

N. 16 - febbr 2017

 

Curiosità…

Ma le piante come fanno a mangiare?

Sperimentando, lo abbiamo scoperto…

N. 19 - marzo 2017

Esperimenti…  

 Cogliamo le trasformazioni della materia:

dall’acqua al ghiaccio…

dal ghiaccio al vapore

N.10 - (nov.) dall'acqua al ghiaccio N.12 - scienze 3_scende

 

A.L.I.C.E. continua il suo cammino…

… in classe 5^B

Geometria con la corda.

A come Argomentare
L come Liberamente
I come Ipotizzare
C come costruire nel mondo concreto
E… capire lo spazio.

Il percorso di geometria, entra nel vivo quando chiediamo ai bambini di lavorare come i tenditori di corde dell’antico Egitto i quali, dopo le piene del Nilo, erano costretti a ridefinire i confini dei loro campi.

IMG_2517

“La geometria è il tentativo di darsi ragione, ordinare e capire lo spazio costruendo un mondo astratto, leggero, inesistente e tuttavia adatto a definire e a spiegare la realtà fisica che ci circonda.”
(“L’ospite bambino” F. Lorenzoni)

IMG_0215 (1) Copia di IMG_0229 (1)

“…l’allievo costruisce la conoscenza se si interessa personalmente del problema della risoluzione di quanto gli è stato proposto attraverso la situazione didattica.”
D’Amore

IMG_0232 (1)

“ Ho capito! Il problema sono gli angoli, senza il goniometro non si può fare un angolo retto.”

“ Ho capito! Il problema sono gli angoli, senza il goniometro non si può fare un angolo retto.”

Il vero problema è stato quello di tracciare le linee perpendicolari, ci siamo aiutati con la “corda squadra” egizia e abbiamo verificato con il nostro “angolo campione".

Il vero problema è stato quello di tracciare le linee perpendicolari, ci siamo aiutati con la “corda squadra” egizia e abbiamo verificato con il nostro “angolo campione”.

NON-TI-SCORDAR-DI-MÈ

Ogni anno, il 17 marzo, in tutta Italia, la Legambiente organizza la giornata chiamata
“NON-TI-SCORDAR-DI-MÈ”.
Quest’anno, in particolare, come sottotitolo, è stato scelto
“Operazione scuole pulite”.

Quale miglior occasione, per i bambini della nostra scuola, di prendersi cura proprio degli ambienti scolastici, in particolare del giardino.

I bambini delle classi 1^ e 4^, con le loro insegnanti, si sono dati un gran da fare a pulire e a mettere a dimora un gran numero di viole del pensiero, gentilmente regalateci dal
Scarpellini Garden Center.

Divisi in gruppi, collaborando, organizzandosi e coordinandosi, i nostri strepitosi “folletti” hanno fatto un lavoro superbo!!

Tutti insieme...

Tutti insieme…

...mano nella mano...

…mano nella mano…

...pronti! Partenza! VIAAA!!!

…pronti! Partenza! VIAAA!!!

Siamo superbravi!!!

Siamo superbravi!!!

Ripuliamo anche davanti alla scuola!!!

Ripuliamo anche davanti alla scuola!!!

Pulire, pulire, pulire!!!

Pulire, pulire, pulire!!!

 

Il bello del giardinaggio:
le mani nello sporco, la testa baciata dal sole, il cuore vicino alla natura. Coltivare un giardino non significa nutrire solo il corpo, ma anche l’anima.
(Alfred Austen)

IMG-20170317-WA0019 IMG-20170317-WA0002 IMG-20170317-WA0004 IMG-20170317-WA0013 IMG-20170317-WA0035

IMG_20150113_162734 IMG_20150113_162810 IMG_20150114_164056 IMG_20150113_162821

A.L.I.C.E.

Classi 3^A-3^B

A come ARTE
L come LABORATORI
I come IDENTITÀ
C come CREATIVITÀ
E come ESPERIENZA

50

Arte: Laboratorio pomeridiano a classi aperte. Dopo aver analizzato il quadro “La Madonna del Parto” di Piero della Francesca”, i bambini di terza animano il quadro con il vestiario e il loro corpo, mantenendo la posizione specifica dei personaggi ritratti. Le foto sono attaccate di fianco al disegno del quadro, pitturato dagli alunni.

Ci sono pittori che trasformano il sole in una macchia gialla, ma ce ne sono altri che, con l’aiuto della loro arte e intelligenza, trasformano una macchia gialla nel sole.
(Pablo Picasso)

51

Laboratorio a classi aperte. Ascoltare una melodia in completo relax e in seguito disegnare cosa la musica richiama alla mente.

 

La musica è semplicemente là per parlare di ciò di cui la parola non può parlare.
(Pascal Quignard)

46Identità: conosciamo Picasso e come lui ci ritraiamo.

“Chi sei tu?” disse il Bruco.
“Io….ora come ora non saprei signore”, rispose Alice alquanto timidamente, “al massimo potrei dirle chi ero quando mi sono alzata stamattina, ma da allora c’è stata una tale baraonda di cambiamenti”

(“Alice nel paese delle Meraviglie”)

17Creatività: attività manuali a classi aperte per la costruzione di cappellini di lana.

La creatività  un tipo di apprendimento nel quale l’allievo e l’insegnante si trovano nello stesso individuo.
(A. Koestle)

55Esperienza: Rappresentiamo una fiaba che abbiamo inventato con il teatrino dei burattini. Siamo degli attori fantastici!!

Non vi è una perdita di tempo se si utilizza l’esperienza con saggezza.
Auguste Rodin

Se avessi una chiave…

Leggendo il libro di Alice nel paese delle Meraviglie, scopriamo che ci sono chiavi e porte.

A volte, certe chiavi, aprono porte impossibili. Ma poi, oltre le porte, si scoprono infiniti mondi, immensi sogni, sconfinati pensieri.

Classe 4^

IMG_20170302_113405 20170302_110819 20170302_110753

Carnevale al cinema.

alice_nel_paese_delle_meraviglie-front locandina1Alice

28 febbraio 2017

In occasione del Martedì grasso, ultimo giorno di Carnevale, gli alunni e le alunne della nostra scuola si sono recati al cinema S. Biagio per la visione del film

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

nelle due versioni a cartoni animati (per i bimbi delle classi 1^ e 2^) e non (per i bambini delle classi 3^A/B, 4^, 5^A/B)Carnevale al cinema 1 Carnevale per le strade del centro_ Carnevale in giro a Cesena

60c6e97ee8d3633398d3112e201a9994

Al lavoro…

      Nella nostra scuola, le attività non si fermano…

Il nostro cammino prosegue…

La classe 2^ alla scoperta dei colori primari e secondari.

“Piccolo blu dovrebbe seguire il consiglio di mamma e rimanere in casa e invece non ubbidisce ed esce a cercare il suo amichetto, Piccolo giallo. Dopo tanto cercare finalmente girato l’angolo, “Eccolo!”.

Entusiasti i due amici si abbracciano e si stringono talmente forti che si fondono tra loro, si mescolano, diventando verdi. Non si preoccupano affatto e infatti iniziano subito a giocare insieme al parto, poi scavano un tunnel e scalano una montagna; l’unione rende più forti.”
(L. Lionni Piccolo giallo piccolo blu)

N.4 -ottobre 2016 N.3 - ottobre 2016 N.2 - ottobre 2016

La classe 4^ alla scoperta della “Pubblicità Progresso”
Troviamo parole “GANCIO” per attirare l’attenzione e, su queste, costruiamo il nostro cartellone pubblicitario

4 3 2 1 5

Le classi 5^A, 5^B e 1^ impegnate in attività di tutoraggio.

I nostri nomi Mostruosi

Durante il laboratorio di arte, organizzato all’interno dell’esperienza di  peer tutoring di livello diverso, fra i bambini delle classi quinte e quelli di prima, i bambini, a coppie formate da un “grande” e un “piccolo”, si sono cimentati in un’ attività divertente e coinvolgente che ha permesso ai bambini di prima di avvicinarsi al concetto di simmetria, aiutati e sostenuti dai grandi che, a loro volta  hanno potuto approfondire e sperimentare in modo diverso il concetto, già conosciuto.

Inizia piegando il foglio a metà

Inizia piegando il foglio a metà

Scrivi il tuo nome toccando l'asse di simmetria

Scrivi il tuo nome toccando l’asse di simmetria

Ricopia il nome dall'altra parte dell'asse di simmetria

Ricopia il nome dall’altra parte dell’asse di simmetria

L'amico più grande svolge per il piccolino la parte dell'attività più complessa

L’amico più grande svolge per il piccolino la parte dell’attività più complessa

Apri il foglio e individua il mostro

Apri il foglio e individua il mostro

Colora il tuo mstro

Colora il tuo mstro

Ecco il mostronome completo!!

Ecco il mostronome completo!!

Per non dimenticare…

giornata-della-memoria

27 gennaio

GIORNO DELLA MEMORIA

Come spiegare ai bambini le crudeltà, l’orrore, il terrore, la morte, la distruzione, le persecuzioni?
Come spiegare loro che l’uomo è stato capace di così grandi crudeltà verso i suoi fratelli, i suoi simili?
Potrebbero chiederci se non fosse meglio dimenticare…
No.
Non dobbiamo dimenticare.
Dimenticare sarebbe come attuare una nuova Shoah.

Allora, nella nostra scuola, a seconda dell’età dei bambini e delle bambine, abbiamo letto frasi, pagine di libri, abbiamo parlato di Anna Frank, uno dei simboli della deportazione ebraica, abbiamo visto film, abbiamo conversato, abbiamo parlato per spiegare, per cercare di capire, per chiedere loro, bambini di oggi ma uomini di domani, che non dimentichino, che ricordino
per non rifare gli stessi errori.

“Le frasi più belle e celebri del diario di Anna Frank”

CAMMINATA DELLA PACE E DELL’AMICIZIA.

Giovedì 22 dicembre 2016

“MI SCUSI… LE LASCIO UN AUGURIO DI PACE”

I bambini e le bambine della scuola Rodari si sono recati nel centro di Cesena percorrendo un tragitto a piedi per le strade cittadine, quale messaggio e segno di PACE
camminata pace

COME COMINCIA LA PACE
“Non lo toccare
Quel gioco è mio
Togliti tu che qui ci sto io!
Non ti conosco
Non mi parlare
Che non ho voglia di ascoltare
Fammi mangiare
Dammi da bere

E spostati, non riesco a vedere!
Portami subito
Quel che mi piace…”
….non è così che comincia la pace.
Lo vuoi usare?
E’ un gioco mio
Ma insieme a te mi diverto anch’io..
Non ti conosco
Dimmi di te
Poi ti racconto qualcosa di me…
Bevi se hai sete
Vuoi da mangiare?
Che gusti hai, che ti piace fare?
Dammi la mano siediti qui…
Ecco, la pace comincia così.
Elisa Mazzoli

 

I bambini hanno distribuito ai passanti biglietti augurali, in segno di PACE.

camminata pace4 camminata pace3 camminata pace2

Il corteo dei bambini e delle loro maestre, accompagnati anche da alcuni genitori, si è snodato per le vie cittadine fino a raggiungere Piazza del Popolo.
Il numeroso gruppo è stato poi ricevuto dal sindaco Paolo Lucchi che, nonostante i suoi numerosi impegni, non ha voluto mancare di salutare i ragazzi.

sindaco

“Non c’è cammino troppo lungo per chi cammina lentamente.”
Jean de la Bruyere

“Dobbiamo camminare in modo da stampare solo la pace e la serenità sulla Terra.

Cammina come se stessi baciando la Terra con i piedi”
Thich Nhat Hanh
(monaco buddista)

 

BRAVI BRAVISSIMI!!!

Le classi 5^A e 5^B si sono aggiudicate il terzo premio del concorso
“L’ALBERO DEI DESIDERI”

Ai bambini e alle loro insegnanti vanno i nostri complimenti!!

20161213_121337

Odori e sapori del Natale di un tempo…

Di quando niente si buttava e tutto si

riutilizzava …

Di quando le nonne, allora bambine,

“rubavano” sul tagliere avanzi di piadina

per giocare alle “piccole azdore”,

ritagliando formine che poi cuocevano

sulla teglia…

Di quando le mamme facevano seccare

scorze e fette di  arance e mandarini

                                                                        sulla stufa a legna, per profumare

                                                                        la cucina con fragranze agrumate…

piadina 20161229_164401

Concorso L’ALBERO DEI DESIDERI

Tutte le classi della nostra scuola hanno partecipato al concorso
“L’ALBERO DEI DESIDERI”.
I bambini hanno preparato gli alberelli di Natale con decorazioni fatte a mano.

Questi sono i nostri alberi in esposizione al centro commerciale “Oltresavio”

Classe 1^

Classe 1^

Classe 2^

Classe 2^

Classi 3^A e 3^B

Classi 3^A e 3^B

Classe 4^

Classe 4^

Classi 5^A e 5^B

Classi 5^A e 5^B

 

Viaggio nel tempo…

“Lo studio non è lavoro, ma la forma più gloriosa del gioco”
L. De Crescenzo

Alla scoperta della civiltà sumerica, attraverso la rappresentazione corporea e spaziale.

Costruiamo una città sumera

Costruiamo una città sumera

I Sumeri vivevano lungo i fiumi, nei quali pescavano e sui quali navigavano...

I Sumeri vivevano lungo i fiumi, nei quali pescavano e sui quali navigavano…

I Sumeri avevano imparato a costruire un sistema di "chiuse" per utilizzare l'acqua dei fiumi...

I Sumeri avevano imparato a costruire un sistema di “chiuse” per utilizzare l’acqua dei fiumi…

... acqua che veniva usata per irrigare i campi dove coltivavano cereali e verdure.

… acqua che veniva usata per irrigare i campi dove coltivavano cereali e verdure.

Classe 4^

Dimensioni e proporzioni…

“Vi sono due cose durevoli che possiamo sperare di lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali. Doniamo le ali per volare e le radici per tornare.”

(Dalai Lama)

CLASSI 3^A e 3^B

Facciamo
1-geografia: costruzione del plastico dell’Italia con carta di giornale e pezzi di carta crespa colorata.
2-storia: le nostre radici. Disegno degli elementi più importanti del centro di Cesena (Fontana Masini, la Rocca, la Biblioteca Malatestiana, il Teatro Bonci)

13 29 11 12 30

 

“Un popolo senza la conoscenza della propria storia, origine e cultura, è come un albero senza radici.”

(Marcus Garvey)

Nella meraviglia di Alice ci sono…

Gioco… Punti di vista…

Classe 1^

La vita è più divertente se si gioca.
(Roald Dahl)

La creatività è imparare divertendosi…
Gamba qua gamba là,
mi presento son la A.
Io di braccia ce ne ho tre,
mi presento son la E.
Sempre dritta, notte e dì,
mi presento son la I.
Oh che sonno, niente fo’,
mi presento son la O.
Io m’arrendo, mani in su,
non sparate son la U.

la-creativita-e-divertendosi-imparando dsc01011

dsc01012 dsc01010

dsc01020

Il gioco è innegabile. Si possono negare quasi tutte le astrazioni: la giustizia, la bellezza, la verità, la bontà, lo spirito, Dio. Si può negare la serietà. Ma non il gioco.
(Johan Huizinga)

 

Nella meraviglia di Alice ci sono…

DOMANDE…

Siamo sicuri che sia così semplice costruire un triangolo?

Classe 5^A

Attività a gruppi: date tre striscioline di cartoncino colorato proviamo a ritagliarle e ad assemblarle per formare un triangolo. Vogliamo dimostrare che è possibile la formazione di un triangolo solo se ciascun lato è inferiore alla somma degli altri.

opo alcuni tentativi, il gioco è fatto!

Procediamo infine con la verbalizzazione di ciò che abbiamo sperimentato e analizzando i triangoli di ciascun bambino: i classifichiamo in base alle loro caratteristiche.

 3 5-scoperto-il-segreto-ne-costruiamo-due 4-ce-labbiamo-fatta 6-e-ora-un-po-di-riflessione

“L’intelletto umano intende alcune cose così perfettamente, e ne ha così assoluta certezza, quanto se n’abbia l’istessa natura; e tali sono le scienze matematiche pure, cioè la geometria e l’aritmetica.”
G. Galilei

Tempo… incontri…

I bambini sono come i marinai: dovunque si posano i loro occhi, è l’immenso.
(Christian Bobin)

 

Durante le attività pomeridiane del martedì, i bambini e le bambine delle classi 2^ e 4^ lavorano insieme, condividendo spazi, materiali, aiutandosi reciprocamente.
Le loro mani lavorano,
si impolverano e carteggiano
per ridare una casa ai silenziosi abitanti del giardino, gli insetti.

20161018_143020 20161018_143715 20161025_142721 20161025_144741

“Guarda, maestra! Carteggiando se ne va tutto lo sporco!”
“Saranno contenti, gli insetti, di avere di nuovo una casa pulita!”

Se un bambino deve tenere vivo il suo senso innato di meraviglia, ha bisogno della compagnia di almeno un adulto con cui condividerla, riscoprendo con lui la gioia, l’eccitazione e il mistero del mondo in cui viviamo.
(Rachel L. Carson)

E mentre ci sono mani che lavorano sul legno, ce ne sono altre che preparano le decorazioni per la casa dei nostri amici insetti…

immagine3

immagine1

immagine2

“Così la casa degli insetti, oltre che pulita, sarà anche come se avesse dei quadri…” 

NELLA MERAVIGLIA DI ALICE CI SONO…

PROSPETTIVE… SGUARDI…

 “Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta”.
(L. Pasteur)

1-una-merenda-gustosa-trasformando-due-semplici-ingredienti2-due-ingredienti-da-trasformare

Classi 3^A e 3^B

Prepariamo una merenda gustosa, trasformando due semplici ingredienti!
Sperimentiamo la meraviglia della natura: “In che cosa si trasformeranno una mela e una carota?”

3-centrifuga-divertente 4-che-meraviglia-un-succo-prelibato-e-genuino

 

 

 

 

 

 

 

La frutta e gli ortaggi si trasformano in un succo prelibato e genuino:
è quasi una magia!!!

5-che-divertimento-e-quasi-una-magia_ 7-noi-piccoli-possiamo-salvare-il-mondo

 

 

 

 

 

 

 

La cosa importante è non smettere mai di domandare. La curiosità ha il suo motivo di esistere. Non si può fare altro che restar stupiti quando si contemplano i misteri dell’eternità, della vita, della struttura meravigliosa della realtà. È sufficiente se si cerca di comprendere soltanto un poco di questo mistero tutti i giorni. Non perdere mai una sacra curiosità.”
(A. Einstein)

NELLA MERAVIGLIA DI ALICE CI SONO…

DOMANDE… GIOCO…

Classe 5^B
GEOGRAFIA E GEOMETRIA, DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA

Nel gioco il bambino è sempre al di sopra della propria età media (…) Come il fuoco di una lente d’ingrandimento, il gioco contiene tutte le tendenze dello sviluppo umano in forma condensata; nel gioco è come se il bambino cercasse di saltare oltre il livello del proprio comportamento normale (1981)” Vygoyskij

Reticolo geografico, con meridiani paralleli, e piano cartesiano, con ascisse e ordinate

Reticolo geografico, con meridiani paralleli, e piano cartesiano, con ascisse e ordinate

I bambini imparano ad individuare un punto sul reticolo con una coppia ordinata di numeri

I bambini imparano ad individuare un punto sul reticolo con una coppia ordinata di numeri

I bambini lanciano a turni i dadi ( uno per le ascisse e uno per le ordinate) e individuano il punto indicato dai dadi-coordinate.

I bambini lanciano a turni i dadi ( uno per le ascisse e uno per le ordinate) e individuano il punto indicato dai dadi-coordinate.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il gioco è luogo di incontro dove le differenze individuali si integrano.

Il gioco è luogo di incontro dove le differenze individuali si integrano.

 

 

 

 

 

 

 

 

Maestra: Avete capito qual è l’obiettivo del gioco? Alunno 1: Vincere. Alunno 2: Divertirsi. Maestra: L’obiettivo principale è imparare a indicare un punto nel reticolo con una coppia ordinata di numeri, ma divertirsi e magari anche tentare di vincere possono essere validi motivi per dare il meglio di sé.

Maestra: Avete capito qual è l’obiettivo del gioco?
Alunno 1: Vincere.
Alunno 2: Divertirsi.
Maestra: L’obiettivo principale è imparare a indicare un punto nel reticolo con una coppia ordinata di numeri, ma divertirsi e magari anche tentare di vincere possono essere validi motivi per dare il meglio di sé.

 

Il bello è anche prevedere la successiva uscita dei numeri dal lancio dei dadi.

Il bello è anche prevedere la successiva uscita dei numeri dal lancio dei dadi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Per competenza matematica si intende la capacità di un individuo di utilizzare e interpretare la matematica e di darne rappresentazione mediante formule, in una varietà di contesti. Tale competenza comprende la capacità di ragionare in modo matematico e di utilizzare concetti, procedure, dati e strumenti di carattere matematico per descrivere, spiegare e prevedere fenomeni. Aiuta gli individui a riconoscere il ruolo che la matematica gioca nel mondo, a operare valutazioni e a prendere decisioni fondate che consentano loro di essere cittadini impegnati, riflessivi e con un ruolo costruttivo.” (Ocse-Pisa 2012)

 

 

 

LIBRIAMOCI

libriamoci

27 ottobre 2016
gita di plesso a

PARCO DI FORLÌ

abbiamo COLTO l’occasione di questa gita di plesso per UNIRE
il “LANCIO DEL PROGETTO” e
la “SETTIMANA DELLA LETTURA”.
Sono state attivate attività di lettura animata all’interno del parco, i bambini più grandi hanno letto ai più piccoli alcuni  brevi racconti tratti dal libro “ALICE CASCHERINA” di G. Rodari.
Abbiamo camminato osservando la natura del parco in autunno, ricca di colori caldi che hanno MERAVIGLIATO i nostri occhi.
Abbiamo camminato fianco a fianco con i conigli, timidi e silenziosi abitanti del parco, che hanno MERAVIGLIATO il nostro cuore riempiendolo di sorpresa.
gita1

  Paesaggi…

img-20161027-wa0006                   20161027_111543 img-20161018-wa0008

Cammini, osservazioni, scoperte…

img-20161028-wa0017img-20161028-wa0012 20161027_111902

Sorprese…

img-20161027-wa0014          img-20161028-wa0011

Dopo le stelle e i bambini, ciò che c’è di più bello al mondo, è un libro.
(Fabrizio Caramagna)

img-20161028-wa0018

OH, CHE MERAVIGLIA!!

Il nostro progetto di plesso, quest’anno, prosegue e amplia e approfondisce il percorso dello scorso anno scolastico, incentrato sulla CURA, di sé, dell’altro, del bene comune. Si è pensato ad un titolo che suscitasse stupore, esattamente come quello che provano i nostri bambini e le nostre bambine davanti a qualcosa di mai visto o che, comunque, colpisca il loro sguardo e il loro pensiero e il loro cuore. E davanti a questo “qualcosa” non possono fare altro che esclamare
 OH, CHE MERAVIGLIA!
Il cammino, il nostro cammino, che lo scorso anno era guidato e accompagnato da storie diverse che ci hanno curato, quest’anno proseguirà con un “timoniere” comune che, al comando della nostra nave, ci guiderà e accompagnerà alla scoperta di tutte le MERAVIGLIE che sono in noi e attorno a noi.
Sarà un timoniere giovane e audace, indisciplinato e sorprendente, perché ALICE, entrando in un luogo sovvertito e sotto-sopra, sarà colei che ci aprirà le porte del
PAESE DELLE MERAVIGLIE.

“CHI E’ ALICE? Lei stessa continua a chiederselo: cresce, ridiventa piccina, si

smarrisce in continuazione nei labirinti verbali che le disegnano i suoi

implacabili interlocutori, abbozza, controbatte…

Alice ci racconta che bisogna essere sempre pronti per le TRASFORMAZIONI:

quelle che abbiamo progettato, quelle che aspettiamo con ansia, quelle a cui ci

prepariamo con studio e abnegazione, ma anche quelle inattese, che avvengono

perché il mondo scorre o perché il mondo degli altri non coincide mai con il

nostro…”

(Da prefazione ad “ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE”
Stefano Bartezaghi)

progetto

Il nostro progetto 

 

Ritorno a scuola…

UNA SCUOLA GRANDE COME IL MONDO

C’è una scuola grande come il mondo.
Ci insegnano maestre, professori,
avvocati, muratori,
televisori, giornali,
cartelli stradali,
il sole, i temporali,le stelle.

Ci sono lezioni facili
e lezioni difficili,
brutte, belle e così così.

Ci si impara a parlare, a giocare,
a dormire, a svegliarsi,
a voler bene e perfino ad arrabbiarsi.

Ci sono esami tutti i momenti,
ma non ci sono ripetenti:
nessuno può fermarsi a dieci anni,
a quindici, a venti,
e riposare un pochino.

Di imparare non si finisce mai,
e quel che non si sa
è sempre più importante
di quel che si sa già.

Questa scuola è il mondo intero
quanto è grosso:
apri gli occhi e anche tu sarai promosso.

(Gianni Rodari)

Con questa poesia di Gianni Rodari, vogliamo augurare
ai bambini, alle bambine e alle loro famiglie
BUON ANNO SCOLASTICO

Le insegnanti

BUONE VACANZE

PROBLEMI DI STAGIONE

“Signor maestro, che le salta in mente?
Questo problema è un’astruseria,
non ci si capisce niente:
trovate il perimetro dell’allegria,
la superficie della libertà,
il volume della felicità…

Quest’altro poi
è un po’ troppo difficile per noi:
quanto pesa una corsa in mezzo ai prati?
Saremo certo bocciati”.

Ma il maestro che ci vede sconsolati:
“Son semplici problemi di stagione.
Durante le vacanze
troverete la soluzione”.

Con questa poesia di Gianni Rodari, maestro e scrittore del quale la nostra scuola porta il nome, tutte le maestre e i maestri augurano agli alunni e alle alunne, nonché alle loro famiglie, di trascorrere delle serene vacanze.

CI VEDIAMO A SETTEMBRE!!!

Scrivere…

planisfero1

FROM Cesena, (FC) ITALY

TO Winston Salem, CA USA

La nostra corrispondenza con bambini americani.

20151217_112255

Biglietti natalizi per i nostri nuovi amici

20160324_120333

Valentine’s Day. Dall’America biglietti d’auguri

20160322_160455

“Paper dolls project”. Aiutiamo i nostri amici americani nell’allestire il loro stand internazionale. Costumi tradizionali delle Filippine

ParolAzione…

  A CACCIA DI PAROLE,
ALLA SCOPERTA DELLA NOSTRA LINGUA

IO LEGGO TRA LE RIGHE…

IMG_20160210_142115

tanti SINTAGMI da riordinare

IMG_20160206_103243

Ad ogni SINTAGMA la sua “casa”

Ecco le case pronte: GS e GP, ovvero Gruppo del Soggetto e Gruppo del Predicato

teAltro…

Per nutrire la mente, il cuore, lo spirito e lo sguardo…
IO RACCONTO DI ME, DI TE, DEL MONDO….

“Teatro Ragazzi”

tutte le classi del plesso Rodari, nei mesi tra marzo e maggio, hanno assistito agli spettacoli del progetto “TEATRO RAGAZZI”
Classe 1^ “I colori di Celeste”
Classi 2^A/2^B “Jack e il fagiolo magico”
Classi 3^. 4^A/4^B “Matilde”
Classe 5^ “Il cavaliere inesistente”

Il teatro non è altro che il disperato sforzo dell’uomo di dare un senso alla vita.
(Eduardo De Filippo)

N. 22 (aprile) teatro Bogart N. 23 (APRILE) teatro Bogart Il mondo magico del teatro..

Mani-polazione e Di-segno

    ALCUNI PERCORSI D’ARTE NELLE NOSTRE CLASSI
“Creatività è permettersi di fare degli sbagli,
ARTE è sapere quali sono da tenere.”
H. Ford

IO VEDO L’INVISIBILE, IO SCOPRO LE MERAVIGLIE…

IMG_20151028_142231

Quadri tridimensionali fatti con oggetti naturali perché “da cosa nasce cosa”

IMG_20160513_093447

Alla scoperta della tridimensionalità

20160405_115702

Questioni di prospettiva…

20160405_120143

Sempre in prospettiva…

20160405_120652

Ancora in prospettiva…


n.3 novembre 2015

20160126_114059

Maschere di creta (primo passaggio il ricalco.)

20160126_114127

Maschere di creta (secondo passaggio: ritaglio la forma)

20160126_114104

Maschere di creta (terzo passaggio: rifinisco l’opera)

Noi siamo TEA(L)TRO

              Le voci dei bambini e delle bambine della scuola primaria

 “ G. Rodari” di Gattolino

scendono in piazza e

presentano:

TITOLO

Immagine1

sabato 28 maggio ore 17.30

Club parco Ippodromo

via Ambrosini,299

 ( di fronte il rist. “ Le Scuderie” )

 

“È impossibile, solo se pensi che lo sia….”
(Il cappellaio matto, Alice nel paese delle meraviglie)

Mi prendo cura…

27 GENNAIO

…per non dimenticare il passato,

perchè sia maestro di vita

del nostro presente.

In occasione della “Giornata della Memoria”
ogni classe, a seconda dell’età degli alunni e dei percorsi didattici che si stanno seguendo, affronterà con la dovuta delicatezza e profondità la tematica dell’Olocausto.

“Son morto ch’ero bambino
son morto con altri cento
passato per il camino
e adesso sono nel vento.

Io chiedo come può l’uomo
uccidere un suo fratello
eppure siamo a milioni
in polvere qui nel vento.”

(Nomadi, Aushwitz)

Presepe premiato…

20151209_11335320151209_164236

IL NOSTRO PRESEPE, TUTTO REALIZZATO A MANO DAI BAMBINI E DALLE BAMBINE DELLA SCUOLA,  HA VINTO IL PRIMO PREMIO DEL CONCORSO PARROCCHIALE DI GATTOLINO.

IL PREMIO CONSISTE IN BUONI-SPESA PER MATERIALE DIDATTICO.

UN SENTITO GRAZIE ALLA COMMISSIONE CHE CI HA PREMIATI.